Mostra emozionale

Ci è mai capitato di riflettere sul termine “mostra”?Immediatamente la parola risalta alla nostra mente come un voler presentare, far conoscere ad altri qualcosa o qualcuno al quale si vuol dare un senso.
Ebbene si, il “Centro Navacita” sin dall’inizio ha messo in mostra le sue creature.
Prima attraverso l’integrazione, poi con le sue recite ed ora lo fa mettendo in campo una vera e propria “mostra di quadri” ideata dagli operatori e realizzata da tutti i ragazzi del “Centro Navacita”. Non è stato semplice, ma niente lo è, figuriamoci per ciò che viene etichettato come “diverso”.
Osservando la vita notiamo come essa, quasi per un falso gioco del destino schernisce ed aliena tutto ciò che non riesce a corrispondere all’ ”omologato”.

Così grandi artisti, poeti, inventori, pittori, non hanno spesso goduto della loro “grande capacità” proprio perché considerati “diversi” e forse anche “pazzi” “alieni”, dove il solo modo per riuscire ad esprimere la loro dirompente emotività altro non era che l’arte.

Da qui l’idea… in quanto l’autistico di per sé, viene considerato un diverso, sia per il modo di recepire la realtà, sia per il modo di esprimersi.

Qual migliore opportunità se non quella di far realizzare a loro dei quadri?

In tal senso segue la scelta e la rielaborazione di alcuni quadri dei più grandi artisti, toccando gli stati d’animo che più ci inquietano e ci appartengono.

Categorie: Appuntamenti